Storia

Agli inizi del novecento i valligiani di età compresa tra i 15 ed i 30 anni, furono i primi sciatori della zona. Per loro era una necessità in quanto praticavano lo sci come mezzo di trasporto e di spostamento nella zona, facendo uso di un solo bastone per favorire in discesa i cambi di direzione sulla neve imbattuta.
Negli anni 1920, a Roccaraso, come in molte località dell’arco Alpino tra cui Bardonecchia, Claviere, Courmayeur, Col di Tenda, Val Formazza, Valturnenche, Selva di Val Gardena e Cortina, furono organizzati dagli alpini corsi di sci per valligiani. Lo scopo era di addestrare i giovani alla pratica dello sci, per poi averli pronti, capaci ed esperti durante il servizio di leva nel corpo degli alpini.
Il 22 gennaio 1922 in occasione della venuta degli alpini a Roccaraso fu fondato il primo Sci Club denominato: Sci Club Roccaraso. Ideatore e fondatore fu il maggiore degli alpini Aldo Pocchiola, comandante del battaglione Cadore.
Il primo presidente fu il Sig. Domenico Bruno,
coadiuvato dai seguenti consiglieri:

  • Emilio Giancola di Roccaraso – ebanista;
  • Giovanni Silvestri di Roccaraso – segretario comunale;
  • Camillo Marchetti di Roccaraso – commerciante;
  • Francesco Di Fiore di Roccaraso – insegnante di musica;
  • Francesco De Nardis di Sulmona – ferroviere.

All’interno della Sci Club nacque la prima squadra di sci nordico così composta: D’Alessandro Salvatore; Di Battista Nicola; Colecchi Dario; Colecchi Pietro; Marcantonio Alfonso; D’Alesio Matteo; Di Vitto Donato e Trilli Rocco.
A Roccaraso si evolveva molto lentamente la cultura del turismo invernale in quanto la località era molto rinomata per quello estivo. La svolta ci fu con l’arrivo di un operatore romagnolo, Camillo Redaelli, che si avvalse della collaborazione del colonnello Zamboni, di  Ridelli e dei Baroni Angeloni.
Nel 1928, Camillo Redaelli fu nominato presidente dello Sci Club Roccaraso, e sotto la sua gestione, si formò la 1° squadra agonistica di discesa formata da giovani locali. Tale squadra era composta dai seguenti atleti: Di Fiore Giuseppe; Silvestri Alfonso; Del Castello Tonino; Trilli Rocco; Tamburrini Angelo.
Parallelamente alla squadra agonistica di discesa ci fu il rinnovamento della squadra di sci nordico, che si compose di giovani locali ambiziosi qui di seguito citati: Del Castello Egidio; D’Alesio Edoardo; Di Vitto Giuseppe; Di Vitto Giovanni; Di Vitto Oriente; Procario Francesco.
L’arrivo nello stesse anno, di due grandi campioni ampezzani, Renato Valle e Paolo Pampanin, segno un punto di svolta decisivo per il movimento sciistico roccolano. Infatti i due ampezzani con l’ausilio dei dirigenti dello Sci Club Roccaraso e con l’apporto fondamentale del presidente Camillo Radaelli  diedero vita alla prima scuola di sci di Roccaraso in cui venne nominato segretario Ippolito Del Castello eletto poi sindaco nel dopoguerra.

Nel frattempo , in tutto l’arco alpino cresceva il movimento turistico legato allo sci, e questo incremento portò alla necessità di avere scuole sci.
Fu per questo motivo che la Fisi organizzò a Claviere i primi esami da Maestro di Sci.
Il primo maestro di sci del centro sud e quindi di Roccaraso, che nel 1937 superò l’esame da maestro di sci, fù Di Vitto Giovanni, che a causa dello scoppio della 2° Guerra mondiale non riuscì a far nascere una nuova scuola di sci a roccaraso da contrapporre a quella degli ampezzani.
Nel 1950 la Scuola Sci Roccaraso, effettuò una riorganizzazione totale che sarebbe servita per rispondere al meglio alle esigenze dei turisti, ponendo la sede operativa in località Ombrellone. Autori di questa riorganizzazione furono:

  • Domenico Antonetti dell’Aquila (Maestro Scelto di Sci) che ricopriva la carica di Direttore Tecnico
  • Di Vitto Giovanni di Roccaraso (Maestro di sci)
  • Del Castello Raffaele di Roccaraso (Maestro di sci)
  • Chiaverini Tommaso di Roccaraso (Maestro di sci)
  • Petrarca Mario di Roccaraso (Maestro di sci)
  • Sacillotto Emma di Roma (Maestro di sci)

Nella stagione  1957/58 fu nominato  Direttore Tecnico, Tommaso Chiaverini, che ebbe l’intuizione e il merito di puntare fortemente all’attività agonistica, formando una nuova squadra agonistica. Tale squadra, allenata dall’olimpionico Giovanni Seghi e dall’allenatore Alberto Ardini (Roma – Terminillo) designati direttamente dalla Fisi, era composta dai seguenti atleti: Di Vitto Enzo; Di Tommaso Giovanni; Petrarca Vittorio; Bucci Paolo; Del Castello Alberto; Bucci Mario.
Che successivamente, superarono brillantemente gli esami da maestro di sci ed entrarono a far parte dell’organico della Scuola Sci Roccaraso. Vanto per la Scuola Sci Roccaraso fu il fatto di annoverare tra le proprie file, dal 1961 fino al 1975, il primo istruttore nazionale ed esaminatore del centro Sud: Bucci Mario.
Le trasformazioni della Scuola Sci Roccaraso furono anche dettata dallo sviluppo del panorama sciistico locale, infatti si svilupparono le località dell’Aremogna, di Pizzalto e di Monte Pratello.
La  Scuola Sci Roccaraso diede in quegli anni un contributo importate della crescita della nostra località sciistica.
La Scuola Sci Roccaraso, non solo ha il merito di essere stata la prima scuola di sci sorta in abruzzo, ma di essere stata anche la terza a livello nazionale dopo quella di Cortina e di Selva di Valgardena.
Attualmente è la Scuola Sci più grande del territorio abruzzese con un’organico di circa 100 maestri comprendenti anche istruttori, allenatori di 1°-2°-3° Livello . Vanta maestri specializzati  nell’insegnamento dello sci a persone diversamente abili e organizza corsi agonistici e propedeutici.

Attualmente la direzione tecnica è affidata a Nino Buono che è  coaduviato da uno staff di giovani maestri.